Sakurajima e Kirishima

Panorami QTVR, Novembre 2001

Cliccando le immagini caricate il panorama (plug-in richiesto). Ognuno occupa circa 500K. Clicca e muovi tutto attorno a te! Zoom in (tasto shift) e out (tasto ctrl).

Panorami QTVR, Novembre 2001
Vulcano Takachiho-No-Mine (1574m)

Un «torii» ricostruito di recente introduce nell'area sacra dove era posto il vecchio Kirishima Shrine: celebra la prima apparizione degli Dei Giapponesi. Abbiamo scelto questo sito per osservare la Grande Pioggia di Leonidi. Francesca mostra il punto esatto dove abbiamo ripreso le foto di meteore.

Panorami QTVR, Novembre 2001
Cascata, Kirishima

Tutta la catena dei Vulcani del Kirishima è protetta da un Parco Nazionale: l'ambiente selvaggio fornisce agli astronomi un cielo notturno assai scuro, perfetto per osservazioni astronomiche. Antichi flussi lavici obbligano i fiumi in salti improvvisi, con tipiche cascate basaltiche.

Panorami QTVR, Novembre 2001
Giardino Iso-Teien, Kagoshima

Secoli fa, il principe della provincia di Tatsuma eresse questo palazzo estivo, con una vista superba sul Vulcano Sakurajima.

Panorami QTVR, Novembre 2001
Giardino Iso-Teien, Kagoshima

La calma perfezione del Giardino del Palazzo Reale contrasta con l'imprevedibile irrequietezza del Vulcano Sakurajima, distante meno di 10 km.

Panorami QTVR, Novembre 2001
Porto di Kagoshima

Una vista al tramonto del Vulcano Sakurajima dal porto di Kagoshima, la «Napoli dell'Estremo Oriente».

Panorami QTVR, Novembre 2001
Sul traghetto

Siamo sul traghetto che copre i 2 km da Kagoshima all'Isola del Sakurajima in venti minuti.

Panorami QTVR, Novembre 2001
Sakurajima: Yunohira Lookout

L'ascesa al cratere del Sakurajima è strettamente proibita, poichè il vulcano può esplodere in ogni momento. Tutti i fianchi del vulcano sono punteggiati da Belvederi ben organizzati, come questo a 373m sul fianco ovest. La città di Kagoshima appare dietro l'edificio del Belvedere.

Panorami QTVR, Novembre 2001
Sakurajima: Arimura Lookout

Sul fianco sud del vulcano, un altro Belvedere è stato costruito sull'ultimo flusso lavico eruttato nel 1946. Lo stesso flusso entra in mare nella direzione opposta al vulcano. Nota le spaccature nella piastrellatura: i terremoti qui sono piuttosto frequenti...